RIVIERA [IT]

RIVIERA Book TV con Costanza Candeloro, Istituto Svizzero, 2016. Foto di Ivan Grianti

Celant scriveva nel 1971, in un epoca d’oro per mostre-idea che esistevano nella mente, in pubblicazioni e nel ricordo di chi aveva preso parte agli happening. Nel 2020 ci confrontiamo con una memoria smaterializzata e annacquata dal digitale e ad un’offerta bulimica. RIVIERA era un progetto ibrido-utopico forse un po’ romantico, condito dal nostro feticismo per l’oggetto-libro e l’innamoramento per la variazione semantica dello stesso. Nel comunicato abbiamo scritto: “RIVIERA è un progetto in cui il libro si fa protagonista: come oggetto, contenuto, forma, pretesto, fissazione, collezione o curiosità, specchio, ostacolo, miraggio.” La proposta nelle nostre intenzioni era varia come la tipologia degli eventi e il pubblico, e funzionavamo sia come agenzia di comunicazione milanese che come agenzia universale per artisti squattrinati. Caterina Riva, 2020

Continuate a leggere le domande di Progetto Replica su ATP DIARY

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s